Chi sono

Cresciuto con i poeti maledetti, e con un po' di quella poetica maledizione scolpita per sempre nei precordi dell'anima, nel tempo sono rimasto fedele alla soave malattia della forma. Esteta, decadente e parnassiano per vocazione, sono un idolatra dello stile e un seguace del bello. Credo nella divina e salvifica parola, madre generosa ed esigente, e nel potere creatore del logos, fonte di ogni bene. Credo nella scrittura come vita e nella vita come forma d'arte. Amo soprattutto la poesia, ma da anni mi dedico con impegno alla filosofia (specie medievale) e alla teologia, oltre che alla grande letteratura europea. Sono, e sarò sempre, un dantista innamorato. Saltimbanco della sillaba e alchimista dell'assonanza, folle orchestrale di ritmi e strascichi, non ho che da offrire all'ignaro passante la quintessenza di una farmaceutica interiore: scampolo d'immenso lasciato cadere per ventura nel tumulto del mondo...

Featured

Testamento (2019)

No tags Permalink 0

Un libro, anzi no, due. Due libri (uno dentro l'altro) e due narratori per un romanzo lirico e potente, una versione profana e allucinata delle Confessioni di Sant’Agostino contaminate con La nausea di Sarte e colorite della trasognata malinconia esistenzialista del Cortàzar di Rayuela. Una suite in tre movimenti che racconta la storia di Lorenzo, giovane di buoni ideali che da uno sperduto paesino di montagna si trasferisce a Venezia per frequentare l'università e realizzare le sue ambizioni di scrittore; ...

Intervista in diretta su 7Gold per "Testamento" https://youtu.be/g7CPZcM8jSU